Teatro gioco vita
 
>

"La coscienza del cammino percorso fino ad oggi, tra animazioni, figure, ombre e sagome, è condizione ideale per definire nuovi spazi di progettualità e ridisegnare la prospettiva di un itinerario artistico.
Il nostro punto di vista sulle cose è appesantito da una storia di anni densi di trasformazioni personali e culturali che, in vari momenti, ci hanno portato ad interrogarci per non farci sorprendere dai cambiamenti.
Ma il nostro punto di vista oggi, ancora, ha quella leggerezza necessaria a rompere il ciclo della ripetizione e il mito della sicurezza per sperimentare cose nuove, contaminando lavoro e gioco, serietà e impertinenza, realtà e sogno. Nel desiderio di una bellezza della vita che non è mai esaurita e che l'arte ha il potere di rigenerare ogni volta…
Il nostro fare teatro vuole essere passione, rigore, fantasia, una regola di vita importante soprattutto nei momenti di stanchezza, quando intorno aleggia un'idea asfittica di civiltà e urge reinventare il destino del teatro, anche del nostro, come luogo artistico e di incontro.
Per questo vogliamo mettere almeno tre accenti: sulla libertà, sulla creatività, sulla fantasia."

Diego Maj

MAILING LIST
Inserisci la tua email per ricevere le news direttamente nella tua casella di posta.

Vuoi cancellarti? Clicca qui.

Fondazione Teatri di Piacenza
Biglietti spettacoli

I primi 35 anni di Teatro Gioco Vita sono diventati un libro!
Disponibile nelle librerie e presso Teatro Gioco Vita
NORME SULLA TRASPARENZA
(art. 9, comma 2 e 3 del decreto legge 8 agosto 2013, n.91, convertito con legge 7 ottobre 2013 n. 112)

ATTO DI NOMINA


DIEGO MAJ

Direttore, Legale rappresentante e Presidente

JACOPO MAJ

Vice direttore

MADDALENA MAJ

Consigliere

ROBERTO DE LELLIS
laboratori internazionali

12/12/2003

Lucia Vasini e Bebo Storti con "Come cucinarsi il marito" inaugurano a Castelsangiovanni "Perdutamente Teatro" 2003/2004

“Perdutamente Teatro” 2003/2004
Lucia Vasini e Bebo Storti aprono la stagione di prosa del teatro Verdi di Castelsangiovanni
In scena con “Come cucinarsi il marito” – martedì 9 dicembre ore 21 – Teatro Verdi

Lucia Vasini e Bebo Storti inaugurano la stagione 2003/2004 del Teatro Verdi “Perdutamente Teatro”. Si tratta della quattordicesima edizione della stagione di prosa della Valtidone proposta da Teatro Gioco Vita – Teatro Stabile di Innovazione e dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Castelsangiovanni con Banca di Piacenza partner organizzativo, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Borgonovo e l’Associazione Comuni Bassa Valtidone e con il patrocinio e la collaborazione organizzativa della Provincia di Piacenza – Assessorato alla Cultura.
Martedì 9 dicembre alle ore 21 al Teatro Verdi di Castelsangiovanni, per l’apertura della stagione, Lucia Vasini e Bebo Storti vanno in scena con “Come cucinarsi il marito”, una divertente commedia sulle cosiddette famiglie “allargate”. Scritta da Debbie Isitt e rappresentata in tutto il mondo, “The woman who cooked her husband” - questo il titolo della versione inglese - vede la regia di Marinella Anaclerio. La produzione è della Compagnia delle Indie Occidentali.
Cosa può succedere ad un uomo che decide di festeggiare il terzo anniversario di matrimonio con la seconda moglie a casa della prima? Che cosa lo spinge a fare questo? Le motivazioni possono essere le più disparate: senso di civiltà, prospettiva di una cena eccellente, un inconfessato desiderio di harem o forse un disperato masochismo. Se questa serie di domande la rigiriamo alle altre due componenti del triangolo (ossia le donne) la risposta sarà una sola: fame.
“Affamati”, appunto: questo potrebbe essere il sottotitolo di questa tragica commedia esistenziale, e come in un girone dell’inferno l’unica occupazione sembra essere la soddisfazione dei bisogni. E così, dietro la “banalità” dei meccanismi che determinano il rompersi e il formarsi di coppie, emerge un malessere legato al vuoto assoluto, all’incapacità di respirare un passo oltre la soglia dell’io.
La Isitt riduce tutto alle due necessità primordiali: sesso e cibo. E fa giocare i tre personaggi tutti all’interno di quest’area; punto di forza della commedia sono i luoghi comuni della situazione, i dialoghi brillanti di arsenico che rimbalzano tra le due donne con il marito - vittima volontaria e carnefice involontario – attraverso i quali i tre ripercorrono le tappe che hanno portato alla follia del presente. Hillary, la prima moglie, raggiunge una soluzione davvero geniale che permetterà ai tre di essere sempre in comunione…
Un testo che parla di gelosia, dolore, rabbia, tradimento, paura, confusione… da divertirsi un mondo.

Locandina
Compagnia delle Indie Occidentali
COME CUCINARSI IL MARITO
di Debbie Isitt
regia di Marinella Anaclerio
intervento drammaturgico di Nicola Fano
con Lucia Vasini, Bebo Storti e Tiziana Sensi
scene Massimo Bellando-Randone
costumi Silvia Polidori
luci Fabrizio Giometti

Vendita biglietti
Teatro Gioco Vita (Teatro Comunale Filodrammatici, via San Siro 9, telefono 0523.315578): dal lunedì al venerdì ore 15-18.
Banca di Piacenza: i biglietti si possono acquistare presso tutti gli sportelli della Banca di Piacenza nei giorni ed orari di apertura degli stessi, senza alcun addebito di commissioni, sino al giorno precedente lo spettacolo.
Il giorno dello spettacolo la biglietteria funziona unicamente nella sede della rappresentazione a partire dalle ore 18 (Teatro Verdi, telefono 0523.882029).

Informazioni: Teatro Gioco Vita, telefono 0523.332613, e-mail ufficiostampa@teatrogiocovita.it
 


Teatro Magazine 24
Festival L'altra scena
Salt'in banco
manifesto
Produzioni
2017/2018
A teatro con mamma e papà
Laboratori Internazionali

Teatro Gioco Vita S.R.L. © 2006 | P.IVA 00883640336

concept: Blacklemon (Credits)
hosting by gedinfo