Teatro gioco vita
 
>

"La coscienza del cammino percorso fino ad oggi, tra animazioni, figure, ombre e sagome, è condizione ideale per definire nuovi spazi di progettualità e ridisegnare la prospettiva di un itinerario artistico.
Il nostro punto di vista sulle cose è appesantito da una storia di anni densi di trasformazioni personali e culturali che, in vari momenti, ci hanno portato ad interrogarci per non farci sorprendere dai cambiamenti.
Ma il nostro punto di vista oggi, ancora, ha quella leggerezza necessaria a rompere il ciclo della ripetizione e il mito della sicurezza per sperimentare cose nuove, contaminando lavoro e gioco, serietà e impertinenza, realtà e sogno. Nel desiderio di una bellezza della vita che non è mai esaurita e che l'arte ha il potere di rigenerare ogni volta…
Il nostro fare teatro vuole essere passione, rigore, fantasia, una regola di vita importante soprattutto nei momenti di stanchezza, quando intorno aleggia un'idea asfittica di civiltà e urge reinventare il destino del teatro, anche del nostro, come luogo artistico e di incontro.
Per questo vogliamo mettere almeno tre accenti: sulla libertà, sulla creatività, sulla fantasia."

Diego Maj

MAILING LIST
Inserisci la tua email per ricevere le news direttamente nella tua casella di posta.

Vuoi cancellarti? Clicca qui.

Fondazione Teatri di Piacenza
Biglietti spettacoli

I primi 35 anni di Teatro Gioco Vita sono diventati un libro!
Disponibile nelle librerie e presso Teatro Gioco Vita
NORME SULLA TRASPARENZA
(art. 9, comma 2 e 3 del decreto legge 8 agosto 2013, n.91, convertito con legge 7 ottobre 2013 n. 112)

ATTO DI NOMINA


DIEGO MAJ

Direttore, Legale rappresentante e Presidente

JACOPO MAJ

Vice direttore

MADDALENA MAJ

Consigliere

ROBERTO DE LELLIS
laboratori internazionali

09/06/2017

Ritornano a Piacenza i “Giardini Segreti” di Teatro Gioco Vita
Il programma 2017 della rassegna estiva per i bambini e le famiglie


Burattini, circo e teatro di strada sul Facsal dal 20 al 29 giugno

Il mese di giugno ancora una volta è tempo di “Giardini Segreti”. Ritorna alla sua ventunesima edizione la rassegna estiva per i bambini e le famiglie organizzata da Teatro Gioco Vita con Fondazione Teatri e Associazione Amici del Teatro Gioco Vita e il sostegno della Fondazione di Piacenza e Vigevano. Il cartellone di spettacoli di burattini, circo e teatro di strada si articola tra il 20 e il 29 giugno sul Facsal, con appuntamenti il martedì e giovedì, tutti gratuiti.
Quattro gli spettacoli in programma, sempre alle ore 17.30 sul Viale Pubblico Passeggio (zona nei pressi di Via Alberici, vicino al campo giochi). In caso di maltempo le rappresentazioni si terranno al Teatro Comunale Filodrammatici (via Santa Franca 33).
“Giardini Segreti” 2017, che raccoglie la tradizione dell’estate culturale di Teatro Gioco Vita “Apriti Sesamo”, dà continuità alla programmazione teatrale durante l’arco dell’anno, con l’obiettivo di creare anche occasioni di aggregazione per i bambini e le famiglie dopo la fine della scuola, prima della partenza per le vacanze.
Ad aprire la programmazione, martedì 20 giugno, una presenza ormai tradizionale dei “Giardini Segreti” piacentini: i burattini tradizionali emiliano-romagnoli del Teatro del Drago che con Andrea e Mauro Monticelli presenta “LA MIRABILANTE ISTORIA DI FAGIOLINO da servo e ciabattino a grande eroe del teatrino”. Gli spettacoli di burattini della Famiglia Monticelli, un pezzo di storia del teatro italiano, affondano le radici in una tradizione iniziata nel 1840 con Ariodante Monticelli (trisnonno di Andrea e Mauro). Sapienza arcaica e velocità d’azione rendono più che mai attuali e coinvolgenti gli spettacoli, tratti da antichi canovacci, che il Teatro del Drago riallestisce ogni anno per dare al teatro di burattini tradizionali quel tocco contemporaneo capace di catturare l’attenzione delle nuove come delle vecchie generazioni. L’eroe del teatrino è Fagiolino, accompagnato dal suo inseparabile amico Sandrone. I testi sono tratti da antichi canovacci dell’Ottocento di proprietà della Famiglia: si tratta di fiabe antiche che nella saggezza popolare traggono la loro forza espressiva. I ritmi e gli stereotipi sono quelli della Commedia dell’Arte, così come le maschere protagoniste delle vicende.
Giovedì 22 giugno appuntamento all’insegna del circo e del teatro di strada, con Il Teatro Viaggiante che mette in scena “LA FAMIGLIA MIRABELLA”, spettacolo di e con Elisabetta Cavana, Edoardo Mirabella e famiglia. Energia, giocoleria, mimo, equilibrismi, danza, teatro, musica: ecco le componenti di questo evento unico. La famiglia Mirabella sembra una versione contemporanea del circo d’altri tempi, ma la sua vera origine sta nel teatro di strada del XX secolo. Una bici olandese a tre ruote, monocicli di diverse misure, birilli, palline, musica e cinque personaggi dai vestiti sgargianti, cappelli e gilet: sono Edoardo Mirabella, Elisabetta Cavana e i loro figli, Martin, Matilde e Mael. Equilibrismi mozzafiato su rola bola, con tanto di hula hop e giocoleria, poi la danza che irrompe come un turbine di allegria, seguita da tante acrobazie e dai sorrisi dei bambini. Come una partitura di musica, lo spettacolo giunge al finale, su monocicli e monocicligiraffa, con il pubblico che guarda rapito il passing a due metri d’altezza.
Martedì 27 giugno in scena il circo teatro di Nando e Maila con “KALINKA - il circo russo come non l’avete mai visto”, di e con Maila Sparapani e Ferdinando D’Andria, regia di Luca Domenicali. Una coppia bene assortita che ha del felliniano: lui (Mascherpa) è uno sgangheratissimo impresario-presentatore-spalla, lei (Maila Zirovna) è una non meno pasticciona primadonna venuta-scappata-scacciata, vai a capire, dalla grande tradizione circense della Russia sovietica. Spassosamente cialtroni, portano in scena una carica ludica e tenera che innerva screzi, frecciate, dispetti e che si arricchisce man mano di poesia. I due sorprendono quando dai rispettivi cilindri cavano numeri di “acrobazie musicali”, trasportando il pubblico dal folclore russo a quello sudamericano, passando per suggestioni arabe, tzigane, canti sardi e pizziche tarantate, ciascuna eseguita con i suoi strumenti caratteristici. Uno spettacolo di circo teatro comico dove la musica dal vivo si intreccia ad acrobazie aeree e giocolerie.
A chiudere l’edizione 2017 di “Giardini Segreti” giovedì 29 giugno Progetto Laciodrom con “DJ VISUAL COMEDY” spettacolo di magia e clownerie con i fantasisti Diego Brocani & Julian De Rosa. Due espressioni artistiche diverse, quelle di Diego e Julian, si incontrano e passano da magia a clownerie alla velocità di uno schiocco di dita. Numeri comici, abilità, improvvisazione, colpi di scena e imprevisti si alternano per un divertimento e stupore assicurato. Diego interagisce con il pubblico con gag e sketch comici, utilizzando le basi del teatro di strada quali equilibrismo, giocoleria e tecniche di clownerie eccentriche e generose nello strappare sorrisi. Julian, argentino, è un artista istrionico, che unisce grande tecnica e spontaneità; le sue performance sono ricche di scene di varietà con un pizzico di follia, molte gag, battute divertenti, trucchi di magia e circo. Uno spettacolo per tutte le età, nel quale il coinvolgimento degli spettatori è una componente fondamentale.
Per le famiglie, tra burattini, circo, teatro di strada, acrobazie, giocolerie, magia e clownerie, i tanti ingredienti di un’altra attesa estate di “Giardini Segreti”. La rassegna estiva 2017 si svolge, come tutte le attività di Teatro Gioco Vita, con il contributo del Mibact - Direzione Generale per lo Spettacolo dal vivo e della Regione Emilia-Romagna.
Per informazioni: Teatro Gioco Vita, tel. 0523315578, info@teatrogiocovita.it

 


A teatro con mamma e papà
Teatro Magazine 22
Teatro Danza
Salt'in banco
Laboratori Internazionali
manifesto
Produzioni
2016/2017

Teatro Gioco Vita S.R.L. © 2006 | P.IVA 00883640336

concept: Blacklemon (Credits)
hosting by gedinfo