Teatro gioco vita
 
>

"La coscienza del cammino percorso fino ad oggi, tra animazioni, figure, ombre e sagome, è condizione ideale per definire nuovi spazi di progettualità e ridisegnare la prospettiva di un itinerario artistico.
Il nostro punto di vista sulle cose è appesantito da una storia di anni densi di trasformazioni personali e culturali che, in vari momenti, ci hanno portato ad interrogarci per non farci sorprendere dai cambiamenti.
Ma il nostro punto di vista oggi, ancora, ha quella leggerezza necessaria a rompere il ciclo della ripetizione e il mito della sicurezza per sperimentare cose nuove, contaminando lavoro e gioco, serietà e impertinenza, realtà e sogno. Nel desiderio di una bellezza della vita che non è mai esaurita e che l'arte ha il potere di rigenerare ogni volta…
Il nostro fare teatro vuole essere passione, rigore, fantasia, una regola di vita importante soprattutto nei momenti di stanchezza, quando intorno aleggia un'idea asfittica di civiltà e urge reinventare il destino del teatro, anche del nostro, come luogo artistico e di incontro.
Per questo vogliamo mettere almeno tre accenti: sulla libertà, sulla creatività, sulla fantasia."

Diego Maj

MAILING LIST
Inserisci la tua email per ricevere le news direttamente nella tua casella di posta.

Vuoi cancellarti? Clicca qui.

Fondazione Teatri di Piacenza
Biglietti spettacoli

I primi 35 anni di Teatro Gioco Vita sono diventati un libro!
Disponibile nelle librerie e presso Teatro Gioco Vita
NORME SULLA TRASPARENZA
(art. 9, comma 2 e 3 del decreto legge 8 agosto 2013, n.91, convertito con legge 7 ottobre 2013 n. 112)

ATTO DI NOMINA


DIEGO MAJ

Direttore, Legale rappresentante e Presidente

JACOPO MAJ

Vice direttore

MADDALENA MAJ

Consigliere

ROBERTO DE LELLIS
laboratori internazionali

07/10/2017

L’ALTRA SCENA- FESTIVAL DI TEATRO CONTEMPORANEO
7° EDIZIONE – OTTOBRE 2017


PIACENZA - lunedì 9 ottobre 2017
Teatro Filodrammatici - ore 21
nuova produzione – anteprima

ESSERE BUGIARDO di Carlo Guasconi (testo vincitore dell’11° Premio Riccione “Pier Vittorio Tondelli”)
regia Emiliano Masala
con Mariangela Granelli, Carlo Guasconi, Massimiliano Speziani
scene Giuseppe Stellato - disegno luci Omar Scala
elaborazioni sonore Zeno Gabaglio - assistenti alla regia Marta Cagliani, Enrico Ravano
produzione La Corte Ospitale, Proxima Res, Premio Riccione

Al termine dello spettacolo la compagnia incontra il pubblico
a cura del critico teatrale Nicola Arrigoni

Un’altra novità a Piacenza per “L’altra scena”, il Festival di teatro contemporaneo curato da Jacopo Maj e organizzato da Teatro Gioco Vita con Fondazione Teatri di Piacenza e Comune di Piacenza, il sostegno di Fondazione di Piacenza e Vigevano e di Iren Emilia e la collaborazione dell’Associazione Amici del Teatro Gioco Vita.
Si tratta di “Essere bugiardo” di Carlo Guasconi (testo vincitore dell’11° Premio Riccione “Pier Vittorio Tondelli”) con la regia di Emiliano Masala, che verrà presentato in anteprima lunedì 9 ottobre alle ore 21 al Teatro Filodrammatici. Lo spettacolo, che vede in scena Mariangela Granelli, Carlo Guasconi, Massimiliano Speziani, è prodotto da La Corte Ospitale, Proxima Res, Premio Riccione.
Carlo Guasconi approccia con profondità e grazia il tema del lutto, attraverso una storia basata sul non aver più niente, se non ricordi e poca forza nell’affrontarli.
«Presente e passato, vivi e morti - si legge nel verbale della giuria che gli ha assegnato il Premio Riccione - si incontrano sul palco per affrontare e tentare di conciliare il peso delle assenze: come superare lutti insopportabili, come accettare la fine degli affetti più grandi? L’autore scolpisce, con sorprendente intensità e altrettanta maturità, tre personaggi: il padre, la madre, il figlio. Mai scontati, sempre umani, umanissimi, fertile terreno di prova per gli attori che in futuro li andranno ad interpretare».
Lo spettacolo diretto da Emiliano Masala ci racconta di un padre aggrappato al ricordo di una vita che non è più. Imprigionato in un limbo in cui i suoi interlocutori, un figlio e una moglie, lo esortano a scegliere, a scegliere di non mentire, di non mentire per poter andare avanti. Un tavolo e tre sedie sono gli elementi fisici dell’azione drammatica. «Il movimento, l’azione, sono affidati - spiega il regista - alla sensibilità ed emotività profonda e lacerata degli interpreti. La regia si concentra sul rendere necessari e disturbanti i dialoghi, attorno al luogo-prigione che è la cucina della famiglia. Il mio desiderio, in questo testo più che mai, è quello di pormi a servizio della parola. Una parola in grado di radicarsi non solo nel corpo e nell’anima dei personaggi-attori, ma anche e soprattutto in quella del pubblico, testimone e osservatore di una verità che non fa sconti a nessuno».
«Il Padre, protagonista dell’opera, - sono le parole dell’autore Carlo Guasconi - sprofonda nella palude melmosa del dolore dato da mancanze famigliari, dal pentimento per parole non dette, da un passato che non svanisce e che lui non vuole assolutamente dimenticare. Seduto al tavolo della sua cucina, cercherà spiegazioni per ciò che è accaduto alla sua famiglia, dialogando con la moglie e con il figlio con meccanismi da commedia del lutto, scavando nei loro trascorsi, confrontandosi con l’incapacità di avere un vero presente. I famigliari sono investiti dalle bugie di un uomo, diventato più figlio che padre, incapace di restare solo, che ricorre alla menzogna per costruire una sua verità. Saranno i famigliari che cercheranno di convincerlo in ogni modo ad abbandonare la sua posizione per tornare ad essere nuovamente una persona, trovando la forza di accettare il dolore del passato».
Al termine dello spettacolo è previsto un incontro con la compagnia, a cura del critico teatrale Nicola Arrigoni. Un momento pensato in particolare per i giovani e le scuole, che potranno dialogare con Marta e Diego Dalla Via. L’incontro è infatti inserito nel progetto educational “Sguardi critici” organizzato dall’Ufficio Scuola di Teatro Gioco Vita e curato da Arrigoni: un percorso dedicato alla critica teatrale che coinvolge alcune classi di scuola superiore. Lo spettacolo “Essere bugiardo” sarà recensito dagli studenti della classe 4C del Liceo Scientifico “Respighi”, accompagnati dal professor Alessandro Sozzi.

INFO
I biglietti costano 10 euro (intero), 8 euro (ridotto convenzioni) e 5 euro (ridotto studenti). I posti non sono numerati. La prevendita è in corso alla biglietteria di Teatro Gioco Vita in via San Siro 9, dal martedì al venerdì ore 10-16 e sabato ore 10-13 (tel. 0523.315578, biglietteria@teatrogiocovita.it). Il giorno dello spettacolo la biglietteria funziona al Teatro Filodrammatici (in via Santa Franca 33) dalle ore 20.

TEATRO FILODRAMMATICI via Santa Franca 33 - telefono 0523.315578
Per informazioni: Teatro Gioco Vita, tel. 0523.315578, info@teatrogiocovita.it

 


Teatro Magazine 24
Festival L'altra scena
Salt'in banco
manifesto
Produzioni
2017/2018
A teatro con mamma e papà 
Laboratori Internazionali

Teatro Gioco Vita S.R.L. © 2006 | P.IVA 00883640336

concept: Blacklemon (Credits)
hosting by gedinfo