Teatro gioco vita
 
>

"La coscienza del cammino percorso fino ad oggi, tra animazioni, figure, ombre e sagome, è condizione ideale per definire nuovi spazi di progettualità e ridisegnare la prospettiva di un itinerario artistico.
Il nostro punto di vista sulle cose è appesantito da una storia di anni densi di trasformazioni personali e culturali che, in vari momenti, ci hanno portato ad interrogarci per non farci sorprendere dai cambiamenti.
Ma il nostro punto di vista oggi, ancora, ha quella leggerezza necessaria a rompere il ciclo della ripetizione e il mito della sicurezza per sperimentare cose nuove, contaminando lavoro e gioco, serietà e impertinenza, realtà e sogno. Nel desiderio di una bellezza della vita che non è mai esaurita e che l'arte ha il potere di rigenerare ogni volta…
Il nostro fare teatro vuole essere passione, rigore, fantasia, una regola di vita importante soprattutto nei momenti di stanchezza, quando intorno aleggia un'idea asfittica di civiltà e urge reinventare il destino del teatro, anche del nostro, come luogo artistico e di incontro.
Per questo vogliamo mettere almeno tre accenti: sulla libertà, sulla creatività, sulla fantasia."

Diego Maj

MAILING LIST
Inserisci la tua email per ricevere le news direttamente nella tua casella di posta.

Vuoi cancellarti? Clicca qui.

Fondazione Teatri di Piacenza
Biglietti spettacoli

I primi 35 anni di Teatro Gioco Vita sono diventati un libro!
Disponibile nelle librerie e presso Teatro Gioco Vita
NORME SULLA TRASPARENZA
(art. 9, comma 2 e 3 del decreto legge 8 agosto 2013, n.91, convertito con legge 7 ottobre 2013 n. 112)

ATTO DI NOMINA


DIEGO MAJ

Direttore, Legale rappresentante e Presidente

JACOPO MAJ

Vice direttore

MADDALENA MAJ

Consigliere

ROBERTO DE LELLIS
laboratori internazionali

05/12/2017

Teatro Ragazzi 2017/2018
“SALT’IN BANCO” – XXXVIII Rassegna di Teatro Scuola


Dal 5 al 7 dicembre al Teatro Filodrammatici di Piacenza Giorgio Scaramuzzino
del Teatro dell’Archivolto porta in scena tre dei suoi spettacoli di maggiore successo

COME UN ROMANZO Da Daniel Pennac
martedì 5 dicembre 2017 – ore 9 e ore 10.45

MA CHE BELLA DIFFERENZA La diversità spiegata ai ragazzi
mercoledì 6 dicembre 2017 - ore 9 e ore 10.45

(NON) VOGLIO ANDARE A SCUOLA Ovvero stai attento agli elefanti
giovedì 7 dicembre 2017 - ore 9 e ore 10.45

Il piacere della lettura, l’accettazione delle differenze, l’importanza della scuola per l’individuo e la società. Sono i temi che Giorgio Scaramuzzino affronterà con tre suoi spettacoli, prodotti dal Teatro dell’Archivolto, in scena al Teatro Filodrammatici di Piacenza da martedì 5 a giovedì 7 dicembre nel cartellone della Stagione di teatro scuola 2017/2018 “Salt’in Banco” di Teatro Gioco Vita, curata da Simona Rossi e organizzata dal Centro di produzione teatrale diretto da Diego Maj con Fondazione Teatri e Comune di Piacenza, la collaborazione dell’Associazione Amici del Teatro Gioco Vita e il sostegno della Fondazione di Piacenza e Vigevano.
Martedì 5 dicembre con doppia recita alle ore 9 e alle ore 10.45 appuntamento con la conferenza/spettacolo “Come un romanzo” da Daniel Pennac, elaborazione drammaturgica di Giorgio Scaramuzzino, regia di Giorgio Gallione, per un pubblico a partire dai 12 anni. Allo scopo di soddisfare tutte le richieste pervenute dalle scuole secondarie di 1° grado e superiori, lo spettacolo sarà replicato anche la settimana successiva: martedì 12 dicembre sempre con doppia rappresentazione alle ore 9 e alle ore 10.45 al Teatro Filodrammatici.
“Il gusto del leggere non è andato perduto, è nascosto da qualche parte. Basta solo saperlo tirare fuori”. Queste più o meno le parole di Pennac, tratte dal suo saggio “Come un romanzo”. Lo spettacolo tratta appunto della lettura. O meglio del piacere della lettura. Come fare a non fare odiare leggere ai ragazzi? Pennac ci suggerisce alcune strade. L’attore nella conferenza/spettacolo, interagendo con gli spettatori, cercherà di capire dove è nascosto il gusto e il piacere di stare in solitudine con il compagno libro.
Il 6 e 7 dicembre invece sarà la volta di due spettacoli di Giorgio Scaramuzzino, di cui cura la drammaturgia e regia oltre ad esserne l’interprete, inseriti nel progetto “Urgenze” del Teatro dell’Archivolto, dedicato a produzioni e occasioni di teatro civile: un progetto nato nel 2009 che vuole far riflettere, attraverso spettacoli teatrali, su alcune precise tematiche che attraversano l’attualità.
Mercoledì 6 dicembre, con doppia recita alle ore 9 e alle ore 10.45, andrà in scena “Ma che bella differenza” – La diversità spiegata ai ragazzi, conferenza/spettacolo tratta dal libro dell’antropologo Marco Aime “Una bella differenza”.
Lo spettacolo vuole riflettere sul fatto che le differenze, di qualsiasi genere e sorta, sono in realtà piccole differenze, e che hanno un’origine comune, come del resto è unica la radice della nascita dell’essere umano. Differenze fisiche, politiche, religiose. Nello spettacolo si cercherà il perché di queste differenze, con l’obiettivo della piena accettazione e della constatazione che esse sono in realtà le facce della stessa medaglia. L’antropologia ci aiuta a trattare questo argomento con obbiettività: in questo senso lo spettatore può riconoscersi e riconoscere nell’altro, nel diverso, quei particolari umani che possono aiutarlo nell’accettarsi e nell’accettare.
Giovedì 7 dicembre, sempre alle ore 9 e alle ore 10.45, sarà la volta di “(Non) voglio andare a scuola” - Ovvero stai attento agli elefanti. Lo spettacolo racconta di bambini e ragazzi nel mondo che ogni giorno affrontano sacrifici inimmaginabili per andare a scuola. Storie drammatiche ma affrontate con il sorriso, a cui fanno da ironico contrasto i video in cui i nostri ragazzi raccontano i mille motivi per cui loro, invece, sono stufi di andare a scuola. Spesso non riflettiamo su come l’accesso all’istruzione rappresenti per molti l’unica possibilità di riscatto da situazioni sociali difficili. La scuola pubblica è un rifugio, un trampolino, una scommessa, per tutti.

LOCANDINA

Teatro Filodrammatici
martedì 5 dicembre 2017 - ore 9 e ore 10.45

SALT’IN BANCO Rassegna di teatro scuola

Giorgio Scaramuzzino / Teatro dell’Archivolto
COME UN ROMANZO
Da Daniel Pennac

elaborazione drammaturgica Giorgio Scaramuzzino
regia Giorgio Gallione
con Giorgio Scaramuzzino

conferenza/spettacolo
pubblico: per tutti, da 12 anni

Teatro Filodrammatici
mercoledì 6 dicembre 2017 - ore 9 e ore 10.45

SALT’IN BANCO Rassegna di teatro scuola

Giorgio Scaramuzzino / Teatro dell’Archivolto
MA CHE BELLA DIFFERENZA!
La diversità spiegata ai ragazzi

tratto da “Una bella differenza” dell’antropologo Marco Aime
drammaturgia e regia Giorgio Scaramuzzino
con Giorgio Scaramuzzino

conferenza/spettacolo
pubblico: da 8 a 13 anni

Teatro Filodrammatici
giovedì 7 dicembre 2017 - ore 9 e ore 10.45

SALT’IN BANCO Rassegna di teatro scuola

Giorgio Scaramuzzino / Teatro dell’Archivolto
(NON) VOGLIO ANDARE A SCUOLA
Ovvero stai attento agli elefanti

di e con Giorgio Scaramuzzino
in voce Lisa Galantini e Fabrizio Matteini
in video gli allievi del CFA Genova

teatro d’attore, video
pubblico: da 8 a 143 anni

PREZZI E INFORMAZIONI

SALT’IN BANCO
Posto unico non numerato euro 4,50 scuola primaria, euro 5 scuola secondaria, euro 6 scuola superiore.
Per tutte le attività di “Salt’in banco” la prenotazione è obbligatoria e deve pervenire all’Ufficio Scuola di Teatro Gioco Vita, telefono 0523.315578 – fax 0523.338428; scuola@teatrogiocovita.it, orari di apertura dal lunedì al giovedì ore 9.30-13 e ore 14-15, venerdì ore 9.30-13.

 


Teatro Magazine 24
Festival L'altra scena
Salt'in banco
manifesto
Produzioni
2017/2018
A teatro con mamma e papà
Laboratori Internazionali

Teatro Gioco Vita S.R.L. © 2006 | P.IVA 00883640336

concept: Blacklemon (Credits)
hosting by gedinfo