Teatro gioco vita
 
>

"La coscienza del cammino percorso fino ad oggi, tra animazioni, figure, ombre e sagome, è condizione ideale per definire nuovi spazi di progettualità e ridisegnare la prospettiva di un itinerario artistico.
Il nostro punto di vista sulle cose è appesantito da una storia di anni densi di trasformazioni personali e culturali che, in vari momenti, ci hanno portato ad interrogarci per non farci sorprendere dai cambiamenti.
Ma il nostro punto di vista oggi, ancora, ha quella leggerezza necessaria a rompere il ciclo della ripetizione e il mito della sicurezza per sperimentare cose nuove, contaminando lavoro e gioco, serietà e impertinenza, realtà e sogno. Nel desiderio di una bellezza della vita che non è mai esaurita e che l'arte ha il potere di rigenerare ogni volta…
Il nostro fare teatro vuole essere passione, rigore, fantasia, una regola di vita importante soprattutto nei momenti di stanchezza, quando intorno aleggia un'idea asfittica di civiltà e urge reinventare il destino del teatro, anche del nostro, come luogo artistico e di incontro.
Per questo vogliamo mettere almeno tre accenti: sulla libertà, sulla creatività, sulla fantasia."

Diego Maj

MAILING LIST
Inserisci la tua email per ricevere le news direttamente nella tua casella di posta.

Vuoi cancellarti? Clicca qui.

Fondazione Teatri di Piacenza
Biglietti spettacoli

I primi 35 anni di Teatro Gioco Vita sono diventati un libro!
Disponibile nelle librerie e presso Teatro Gioco Vita
NORME SULLA TRASPARENZA
(art. 9, comma 2 e 3 del decreto legge 8 agosto 2013, n.91, convertito con legge 7 ottobre 2013 n. 112)

ATTO DI NOMINA


DIEGO MAJ

Direttore, Legale rappresentante e Presidente

JACOPO MAJ

Vice direttore

MADDALENA MAJ

Consigliere

ROBERTO DE LELLIS
laboratori internazionali

09/09/2008

“TRE PER TE” 2008/2009 - Stagione di prosa del Teatro Municipale di Piacenza
Prosa, Altri Percorsi e Teatro Danza


Al via la Campagna Abbonamenti

E’ ormai tempo di abbonamenti per la Stagione di Prosa “Tre per Te” 2008/2009 del Teatro Municipale di Piacenza. Organizzata da Teatro Gioco Vita – Teatro Stabile di Innovazione con il Comune di Piacenza, il sostegno di Fondazione di Piacenza e Vigevano, Cariparma, Edilstrade, Costruzioni Edili Val d’Arda e il contributo di Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Dipartimento dello Spettacolo e Regione Emilia Romagna, la rassegna si articola in tre cartelloni: Prosa, Altri Percorsi e Teatro Danza. La Campagna abbonamenti prenderà il via martedì 9 settembre e proseguirà fino a sabato 11 ottobre.
Dal 9 al 20 settembre sono previste le conferme degli abbonamenti per gli abbonati della stagione precedente.
Dal 23 al 27 settembre è il periodo riservato ai vecchi abbonati che desiderano sì rinnovare la tessera anche per il 2008/2009, ma che vogliono cambiare turno, posto e/o tipo di abbonamento.
Dal 30 settembre all’11 ottobre la Campagna abbonamenti sarà aperta a tutto il pubblico.
Il servizio di biglietteria è svolto da Teatro Gioco Vita in via San Siro 9 a Piacenza.
La biglietteria di Teatro Gioco Vita nel periodo della Campagna Abbonamenti è aperta dal martedì al venerdì dalle ore 10 alle 13 e dalle ore 15 alle 18, il sabato mattina dalle ore 10 alle 13, con giorno di chiusura il lunedì.
Varie sono le tipologie di abbonamento, grazie alle quali ogni spettatore può scegliere il cartellone che è più congeniale ai suoi interessi all’interno delle tre sezioni di “Tre per Te”.
“Prosa” (9 spettacoli): il teatro classico e tradizionale, i grandi classici, i grandi autori, i grandi testi, gli attori e i registi di fama; eventi di grande spessore artistico che però non temono di confrontarsi anche con le tendenze più contemporanee della scena.
“Altri Percorsi” (5 spettacoli): il teatro di ricerca, le tendenze della scena più innovativa, gli spettacoli della nuova drammaturgia.
Le formule di abbonamento “cumulativo”, con notevoli possibilità di risparmio per lo spettatore: “2 per Te” (14 spettacoli) che propone insieme Prosa e Altri Percorsi e “3 per Te” (18 spettacoli) che unisce Prosa, Altri Percorsi e Teatro Danza.
C’è poi il pass “Pre/Visioni” , che consente la visione degli spettacoli di Pre/Visioni, percorso dedicato ai giovani artisti delle scuole di teatro, ai laboratori e alle azioni teatrali.

La prossima stagione conferma le linee artistiche che hanno guidato in questi anni Teatro Gioco Vita nella scelta del cartellone “Tre per Te”, e che anche l’Associazione Nazionale dei Critici di Teatro, assegnando il Premio della Critica 2008 al Teatro Stabile di Innovazione diretto da Diego Maj, ha voluto segnalare per il “raro equilibrio tra esigenze degli artisti contemporanei e sensibilità del pubblico, fra tradizione e sperimentazione”.
La Prosa rimane fedele a quella linea del teatro classico e tradizionale di qualità che appartengono per vocazione e ruolo istituzionale al Municipale di Piacenza. Allo stesso tempo un cartellone con felici incursioni in un teatro meno “istituzionale”.
Gli Altri Percorsi si confermano luogo dell’innovazione e della ricerca. In questa stagione proseguirà l’esperienza della sezione “Pre/Visioni”: una porta aperta sui giovani artisti delle scuole di teatro e sulla sperimentazione di nuovi linguaggi. Lo spaccato su una nuova generazione di artisti, sul lavoro di chi è ancora alla ricerca di una identità e di una propria dimensione artistica, insieme alla ricerca laboratoriale più innovativa e originale: occasione preziosa di confronto e incontro con il pubblico.
Per quanto riguarda il Teatro Danza, Teatro Gioco Vita proporrà quattro appuntamenti al Teatro Comunale Filodrammatici che vedranno in scena Compagnie tra le più interessanti e significative nel panorama della danza contemporanea italiana. Gli spettacoli saranno inseriti nel cartellone unico della Stagione di Danza del Teatro Municipale realizzato insieme alla Fondazione Toscanini.

PROSA

La stagione 2008/2009 al Teatro Municipale si apre con Mariangela Melato, assente da diversi anni da Piacenza, che in Sola me ne vo racconterà la sua vita da artista (4, 5 e 6 novembre, con la terza serata fuori abbonamento). Avremo poi due atti unici, Claus Peymann compra un paio di pantaloni e viene a mangiare con me di Thomas Bernhard e Sik-Sik, l’artefice magico di Eduardo De Filippo, diretti e interpretati da Carlo Cecchi, che testimoniano la fortissima teatralità di due autori fortemente rappresentativi della drammaturgia europea del Novecento (18 e 19 novembre). Due grandi artisti del calibro di Giorgio Albertazzi e Antonio Latella si confrontano con un classico della letteratura come Moby Dick (5 e 6 gennaio), mentre Marco Paolini con Miserabili. Io e Margaret Thatcher racconta la metamorfosi della società italiana a partire dagli anni Ottanta (21 e 22 gennaio).
Copenaghen di Michael Frayn, diretto da Mauro Avogadro e interpretato da Umberto Orsini, Massimo Popolizio e Giuliana Lojodice (20 e 21 febbraio, il 21 anche con una recita pomeridiana alle ore 15.30 fuori abbonamento), pone angoscianti riflessioni sul rapporto tra potere, scienza e morale: un discorso che sarà oggetto di un percorso di approfondimento collaterale allo spettacolo. Ritorna a grande richiesta il musical con la Compagnia della Rancia, che mette in scena A Chorus Line (2,3 e 4 marzo, con la terza serata fuori abbonamento). Abbiamo poi in cartellone due interessanti novità: il Macbeth diretto e interpretato da Gabriele Lavia (7 e 8 aprile) e l’ Edipo con Franco Branciaroli e la regia di Antonio Calenda (20 e 21 aprile). Il cartellone della Prosa si chiude con un omaggio a un grande artista comico molto legato a Piacenza, Enzo Iacchetti, che interpreta lo spettacolo Casanova. La notte dei posteri (28 e 29 aprile).

ALTRI PERCORSI

Il cartellone Altri Percorsi, articolato tra Teatro Comunale Filodrammatici e Teatro Municipale, si apre con il debutto della nuova coproduzione di Teatro Gioco Vita con il Teatro delle Briciole, Scrooge , ballata per attori e ombre da Canto di Natale di Charles Dickens (al Municipale, il 23 novembre con recita pomeridiana alle ore 15.30). Da segnalare un importante progetto in occasione del Giorno della Memoria e del Giorno del Ricordo: al Comunale Filodrammatici gli spettacoli fuori abbonamento Ascoltami bene con Mascia Musy (26 gennaio) e Le due facce della medaglia della Compagnia Ma.Mi.Mo. (10 febbraio) saranno occasione per approfondire, anche con incontri e conferenze, le tematiche della memoria della Shoah e del ricordo delle vittime delle foibe.
In cartellone al Teatro Comunale Filodrammatici La Badante scritto e diretto da Cesare Lievi con protagonista Ludovica Modugno (3 e 4 febbraio), che sarà occasione per approfondire in un progetto collaterale le problematiche umane, di lavoro e di cultura legate a questa figura, così attuali ai nostri giorni. Per l’interpretazione dello spettacolo la Modugno ha ricevuto il premio della critica teatrale 2008 come migliore attrice dell’anno, mentre Cesare Lievi, autore e regista, è stato inserito nella terna dei finalisti del Premio ETI – Gli Olimpici del Teatro 2008 come migliore autore di novità italiana.
Il Piccolo Teatro di Milano con La storia della bambola abbandonata sarà protagonista di un evento unico (al Comunale Filodrammatici, 28 febbraio, 1, 6, 7 e 8 marzo, con recite fuori abbonamento 1 e 8 marzo alle ore 15.30 e 6 marzo in serale): la storica regia di Strehler torna in scena in un nuovo riallestimento, che vede protagonisti con Andrea Jonasson e gli attori del Piccolo un gruppo di bambini di una scuola primaria di Piacenza. Due classi della scuola saranno impegnate in un laboratorio di una ventina di giorni, che coinvolgerà nel lavoro anche insegnanti e genitori, e parteciperanno ad una settimana di prove per poi alternarsi sul palcoscenico: un’esperienza unica, grazie alla quale il grande teatro si confronta con i piccoli per renderli protagonisti di un momento magico per loro stessi e per il pubblico che assisterà alla rappresentazione.
Da non perdere anche Odissea di Cesar Brie (10 e 11 marzo, al Teatro Comunale Filodrammatici) e La Sirena letta da Luca Zingaretti, dal racconto Lighea di Giuseppe Tomasi di Lampedusa (31 marzo, al Teatro Municipale). Chiude le proposte in cartellone la nuova produzione della Compagnia Infidi Lumi (8,9 e 10 maggio, fuori abbonamento al Comunale Filodrammatici).

Pre/Visioni
Nell’ambito del cartellone Altri Percorsi dedicato all’innovazione e alla ricerca, la sezione “Pre/Visioni”, al suo terzo anno di programmazione al Teatro Comunale Filodrammatici, è una porta aperta sui giovani artisti delle scuole di teatro e sulla sperimentazione di nuovi linguaggi: in scena i giovani di Riserva Canini con il nuovo spettacolo L’ordine del giorno prodotto in collaborazione con Teatro Gioco Vita (12 e 13 dicembre), la Società Filodrammatica Piacentina con lo scozzese Charioteer Theatre in Shakespeare’Situations, un progetto di azioni teatrali di Laura Pasetti (23 e 24 maggio), Lucia Vasini e la Compagnia “Diurni e Notturni” in un nuovo lavoro, Da Aspettando Godot (4 e 5 giugno), che vedrà ospiti e operatori dei Centri Diurni e delle Comunità del Dipartimento di Salute mentale di Piacenza confrontarsi con Aspettando Godot e altre opere di Samuel Beckett.

TEATRO DANZA

Nel cartellone di Teatro Danza, organizzato con la collaborazione di Aterdanza, saranno proposti quattro appuntamenti al Teatro Comunale Filodrammatici che vedranno in scena Compagnie tra le più interessanti e significative nel panorama della danza contemporanea italiana: Compagnia Abbondanza/Bertoni con la nuova creazione Oggi è un giorno felice (17 febbraio), la Fondazione Nazionale della Danza/Aterballetto in Aterballetto Suite con le coreografie di Mauro Bigonzetti e Valerio Longo (12 marzo), Roberto Zappalà con Giovanni Sollima al violoncello in Numeroquattro/Improvisation (27 marzo), Traversidanza e TIR Danza in un’unica serata rispettivamente con Soulsolo e Long Necked Chicken (16 aprile).

 


Teatro Magazine 24
Festival L'altra scena
Salt'in banco
manifesto
Produzioni
2017/2018
A teatro con mamma e papà
Laboratori Internazionali

Teatro Gioco Vita S.R.L. © 2006 | P.IVA 00883640336

concept: Blacklemon (Credits)
hosting by gedinfo