Teatro gioco vita
 
>

"La coscienza del cammino percorso fino ad oggi, tra animazioni, figure, ombre e sagome, è condizione ideale per definire nuovi spazi di progettualità e ridisegnare la prospettiva di un itinerario artistico.
Il nostro punto di vista sulle cose è appesantito da una storia di anni densi di trasformazioni personali e culturali che, in vari momenti, ci hanno portato ad interrogarci per non farci sorprendere dai cambiamenti.
Ma il nostro punto di vista oggi, ancora, ha quella leggerezza necessaria a rompere il ciclo della ripetizione e il mito della sicurezza per sperimentare cose nuove, contaminando lavoro e gioco, serietà e impertinenza, realtà e sogno. Nel desiderio di una bellezza della vita che non è mai esaurita e che l'arte ha il potere di rigenerare ogni volta…
Il nostro fare teatro vuole essere passione, rigore, fantasia, una regola di vita importante soprattutto nei momenti di stanchezza, quando intorno aleggia un'idea asfittica di civiltà e urge reinventare il destino del teatro, anche del nostro, come luogo artistico e di incontro.
Per questo vogliamo mettere almeno tre accenti: sulla libertà, sulla creatività, sulla fantasia."

Diego Maj

MAILING LIST
Inserisci la tua email per ricevere le news direttamente nella tua casella di posta.

Vuoi cancellarti? Clicca qui.

Fondazione Teatri di Piacenza
Biglietti spettacoli

I primi 35 anni di Teatro Gioco Vita sono diventati un libro!
Disponibile nelle librerie e presso Teatro Gioco Vita
NORME SULLA TRASPARENZA
(art. 9, comma 2 e 3 del decreto legge 8 agosto 2013, n.91, convertito con legge 7 ottobre 2013 n. 112)

ATTO DI NOMINA


DIEGO MAJ

Direttore, Legale rappresentante e Presidente

JACOPO MAJ

Vice direttore

MADDALENA MAJ

Consigliere

ROBERTO DE LELLIS
laboratori internazionali

14/12/2009

“SALT’IN BANCO”
XXX Rassegna di Teatro Scuola


FONDAZIONE TEATRO RAGAZZI E GIOVANI
“FAVOLOSOFIA N. 1 – La favola dei cambiamenti”

PIACENZA, Teatro Comunale Filodrammatici
15 e 16 dicembre – ore 9.15 e ore 10.45; 17 dicembre 10

Un viaggio teatrale, comico e filosofico, sull’esperienza dei cambiamenti. Lo mette in scena la Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani di Torino con “Favolosofia n. 1 – La favola dei cambiamenti”, primo spettacolo del “Progetto favole filosofiche” curato da Pasquale Buonarota e Alessandro Pisci. Appuntamento per le scuole primarie e secondarie di primo grado da martedì 15 a giovedì 17 dicembre al Teatro Comunale Filodrammatici, nel programma della XXX Rassegna di Teatro Scuola “Salt’in banco” curata da Teatro Gioco Vita – Teatro Stabile di Innovazione, Comune di Piacenza – Assessorato alla Cultura e Provincia di Piacenza - Assessorato al Sistema Scolastico e della Formazione. Le rappresentazioni sono previste alle ore 9.15 e 10.45 di martedì 15 e mercoledì 16, mentre giovedì 17 ci sarà un’unica recita alle ore 10.
Due personaggi favolosi e divertenti invitano il pubblico dei ragazzi ad interagire durante il racconto e a condividere i pensieri stimolati dalle loro avventure: sono due mendicanti, uno cieco e l’altro zoppo, che si decidono a cercare nuove strade e miglior fortuna.
Capovolgimenti, conflitti, risate, accompagnano una riflessione aperta sulla testimonianza che i ragazzi danno dei cambiamenti intorno a loro e di loro stessi, di quanti ne possono decidere, scongiurare o progettare.
La favola dei cambiamenti è una “favola filosofica” perché induce a fare domande più che trovare risposte, a interrogare per comprendere. Questo è l’obiettivo che Pasquale Buonarota e Alessandro Pisci si propongono di realizzare con il “Progetto Favole Filosofiche”: fare incontrare il teatro e la filosofia per bambini, per avvicinare i più giovani e gli adulti al piacere di pensare insieme.
“Favolosofia n. 1” ha ottenuto il premio come miglior spettacolo al Festival “Giocateatro Torino” 2008 con la seguente motivazione: "Perché sottolinea ed esplicita, attraverso un’alta e matura qualità dell’espressione teatrale, la necessità di condividere, con il mondo dell’infanzia e non solo, una riflessione sui grandi temi dell’esistenza".
In scena gli stessi ideatori dello spettacolo e del progetto “favole filosofiche” Pasquale Buonarota e Alessandro Pisci. La scenografia è di Lucio Diana, suono e luci di Bruno Pochettino, collaborazione all’allestimento Monica Del monte e Serena Occhionero.
Per assistere agli spettacoli di “Salt’in banco” la prenotazione è obbligatoria. Per informazioni e prenotazioni, Teatro Gioco Vita – Ufficio Scuola, tel. 0523.332613, scuola@teatrogiocovita.it.

 


Teatro Magazine 24
Festival L'altra scena
Salt'in banco
manifesto
Produzioni
2017/2018
A teatro con mamma e papà
Laboratori Internazionali

Teatro Gioco Vita S.R.L. © 2006 | P.IVA 00883640336

concept: Blacklemon (Credits)
hosting by gedinfo