Teatro gioco vita
 
>

"La coscienza del cammino percorso fino ad oggi, tra animazioni, figure, ombre e sagome, è condizione ideale per definire nuovi spazi di progettualità e ridisegnare la prospettiva di un itinerario artistico.
Il nostro punto di vista sulle cose è appesantito da una storia di anni densi di trasformazioni personali e culturali che, in vari momenti, ci hanno portato ad interrogarci per non farci sorprendere dai cambiamenti.
Ma il nostro punto di vista oggi, ancora, ha quella leggerezza necessaria a rompere il ciclo della ripetizione e il mito della sicurezza per sperimentare cose nuove, contaminando lavoro e gioco, serietà e impertinenza, realtà e sogno. Nel desiderio di una bellezza della vita che non è mai esaurita e che l'arte ha il potere di rigenerare ogni volta…
Il nostro fare teatro vuole essere passione, rigore, fantasia, una regola di vita importante soprattutto nei momenti di stanchezza, quando intorno aleggia un'idea asfittica di civiltà e urge reinventare il destino del teatro, anche del nostro, come luogo artistico e di incontro.
Per questo vogliamo mettere almeno tre accenti: sulla libertà, sulla creatività, sulla fantasia."

Diego Maj

MAILING LIST
Inserisci la tua email per ricevere le news direttamente nella tua casella di posta.

Vuoi cancellarti? Clicca qui.

Fondazione Teatri di Piacenza
Biglietti spettacoli

I primi 35 anni di Teatro Gioco Vita sono diventati un libro!
Disponibile nelle librerie e presso Teatro Gioco Vita
NORME SULLA TRASPARENZA
(art. 9, comma 2 e 3 del decreto legge 8 agosto 2013, n.91, convertito con legge 7 ottobre 2013 n. 112)

ATTO DI NOMINA


DIEGO MAJ

Direttore, Legale rappresentante e Presidente

JACOPO MAJ

Vice direttore

MADDALENA MAJ

Consigliere

ROBERTO DE LELLIS
laboratori internazionali

17/12/2010

“A TEATRO CON MAMMA E PAPÁ” - XV Rassegna di Teatro per le famiglie


LA VENDETTA DELLA STREGA MORGANA
I Burattini dei Menozzi

domenica 19 dicembre 2010 – ore 16.30 (“A teatro con mamma e papà” – Teatro Famiglie)
Teatro Comunale Filodrammatici di Piacenza

I burattini tradizionali protagonisti al Teatro Comunale Filodrammatici di Piacenza domenica 19 dicembre 2010 per la rassegna di Teatro per le Famiglie “A teatro con mamma e papà” organizzata da Teatro Gioco Vita con Fondazione Teatri e Comune di Piacenza – Assessorato alla Cultura e il sostegno della Fondazione di Piacenza e Vigevano nell’ambito del programma “InFormazione Teatrale”
Alle ore 16.30 in scena I Burattini dei Menozzi con “La vendetta della strega Morgana”.
Al castello del Re si sta svolgendo la cerimonia nuziale della principessa Adelaide. Il dottor Balanzone, governatore e gran cerimoniere, è indaffarato ad organizzare il ricevimento: preoccupato perché tutto si svolga secondo le migliori tradizioni, chiama i suoi servitori, Fagiolino e Sandrone, e ordina loro di restare di guardia al portone d’ingresso.
Improvvisamente arriva la strega Morgana e non c’è verso di convincerla ad andarsene, anzi vuole parlare con il Re, è venuta a reclamare un antico credito verso nostra maestà: «Tua figlia Adelaide dovrà sposare mio figlio Satanasso, il principe delle tenebre!». E lancia un incantesimo col quale fa addormentare tutti quanti. Poi rapisce la principessa e la porta nel Bosco Stregato. Immaginate la disperazione al castello!
Chi potrà mai affrontare l’ignoto del Bosco e cercare di liberare Adelaide? Fagiolino se la sentirà di tentare, magari aiutato dal suo amico Sandrone? Riusciranno i nostri eroi, a distruggere la strega Morgana, le sue magie e a liberare la principessa sciogliendo l’incantesimo che la tiene addormentata?
Uno spettacolo in grado di divertire piccoli e grandi, scritto e interpretato dal burattinaio Dimmo Menozzi.
L’origine ufficiale della compagnia I Burattini dei Menozzi risale al 1922: Mario Menozzi, dopo l’apprendistato nella baracca del mitico ”Urlandin”, inizia, con una trentina di “teste di legno” avute dal proprio maestro, l’attività di burattinaio. Prosegue così per oltre mezzo secolo l’antica tradizione dei burattinai della “Bassa Padana”. L’attività procede nonostante le difficoltà legate alla povertà delle campagne nelle quali Marion si muove e nonostante i problemi legati al regime prima e durante la guerra. Più tardi la diffusione del cinema anche nei piccoli centri e poi della televisione, costringono Marion a svolgere la propria attività solo nel tempo libero, dedicandosi dunque ad altri mestieri per sostenere la famiglia. Nel 1975 Mario smette definitivamente, convinto che, insieme a lui, sia finita anche la tradizione guastallese di Fagiolino e Sandrone.
Ma le vie dei burattini sono infinite! Dopo quindici anni di un’altra professione il figlio Dimmo, con la moglie Anna Rosa, riprende “baracca e burattini”. Sono stati rinnovati il repertorio, il linguaggio e il pubblico. Gli spettacoli sono prevalentemente rivolti ai bambini, così linguaggio e storie sono state adeguate per loro. Rimane però la tradizione: Sandrone è ancora Sandrone, Fagiolino gira sempre con il suo bastone, la Pulonia sdentata ha il viso della befana, e poi la Minghina e i Diavoli, le streghe e i briganti… continuano a divertire e affascinare il pubblico di ogni età.

Per informazioni su “A teatro con mamma e papà” è possibile rivolgersi a Teatro Gioco Vita (telefono 0523.315578 –info@teatrogiocovita.it).

 


Teatro Magazine 24
Festival L'altra scena
Salt'in banco
manifesto
Produzioni
2017/2018
A teatro con mamma e papà
Laboratori Internazionali

Teatro Gioco Vita S.R.L. © 2006 | P.IVA 00883640336

concept: Blacklemon (Credits)
hosting by gedinfo